Boicotta gli Invalsi

Manca meno di un mese all’ormai “tradizionale” prova Invalsi, che vorrebbe giudicare studenti e istituti scolastici in base a test standardizzati.

E’ assodato ad oggi che questi test necessitano di una preparazione ad hoc che sottrae tempo alla didattica tradizionale per inculcare nozioni e pompare i risultati dei test in maniera artificiosa. Il presunto anonimato è inoltre assolutamente falso dal momento che ad ogni studente viene assegnato un codice univoco e che questo viene conservato in appositi elenchi.

Noi non crediamo nell’apprendimento mnemonico e nel giudizio standardizzato che non tiene conto delle capacità reali dello studente e che mira a renderlo semplicemente un numero nella massa.

Il 12 Maggio non permettere a nessuno di valutarti con criteri che non conosci, di schedarti attraverso un test somministrato come anonimo, di giudicare il tuo istituto senza tener conto delle differenze di programma che intercorrono tra una scuola e l’altra.
Non permettere a nessuno di valutarti, non sei merce.
Boicotta gli invalsi non presendandoti a scuola, lasciando il foglio in bianco, barrando tutte le caselle o cancellando il tuo codice identificativo!
Lo svolgimento delle prove non è in alcun modo obbligatorio. Non cedere al ricatto.

Il sapere non è un privilegio di chi può pagarlo.

invalsi1

 

#25aprile difendiamo la Costituzione

cerimonia-25-aprile-como

Cerimonia del 25 aprile 2015

Il 25 aprile è il giorno in cui i politici fanno discorsi ufficiali sulla democrazia e la Costituzione. Per molti anni a Como hanno voluto dirci che democrazia è riconoscere ai morti fascisti lo stesso valore dei caduti per la libertà.

Quest’anno, anche se probabilmente nella nostra città non sentiremo queste idiozie (che si diranno in altri comuni della Provincia), siamo di fronte a una situazione egualmente grave: il partito che esprime il sindaco sta tentando di manomettere la Carta Costituzionale e di abolire di fatto la democrazia in nome dell’efficienza.

Come Giovani Comunisti siamo impegnati nella battaglia per scongiurare questa possibilità e per dare invece piena attuazione a quella Carta per cui molti giovani come noi hanno dato la vita 71 anni fa.

Qui il volantino per dire NO a Renzi