No all’alternanza scuola-patatine

Unione degli Studenti, Giovani Comunisti/e e Rifondazione Comunista contro l’accordo tra MIUR e McDonald’s.

mcdonalds-675

General view of McDonald’s logo. PRESS ASSOCIATION Photo. Picture date: Thursday February 7, 2013. See PA story CONSUMER McDonald’s . Photo credit should read: Rui Vieira/PA Wire

Il 18 ottobre il Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca ha siglato un protocollo di intesa con 16 multinazionali tra cui il colosso dei fast food McDonald’s.
L’accordo prevede che gli studenti svolgano l’alternanza scuola-lavoro, obbligatoria per essere ammessi all’esame di Stato, presso uno dei “ristoranti” della catena americana sparsi in tutto il Paese (160 nella Provincia di Como).
Riteniamo che questo accordo non abbia alcun valore didattico ma che rappresenti semplicemente un ulteriore regalo del Governo Renzi alle multinazionali fornendo loro manodopera gratuita. L’alternanza scuola-lavoro così svolta non fa curriculum, non aggiunge competenze, non fornisce valore alla crescita professionale degli studenti ma anzi sottrae tempo alla didattica.
Contro questa vergogna chiamiamo gli studenti e tutta la cittadinanza ad un primo presidio informativo che si terrà il 10 dicembre dalle 15.30 alle 18.30 in Piazza Boldoni.

volantino-unitario-gc-prc-uds

Annunci

#Giovanicomunisti. Parte il tesseramento 2016!

Parte la campagna di tesseramento ai Giovani Comunisti per l’anno 2016, rilancio e radicamento sono le parole d’ordine: la nuova tessera per la nostra organizzazione giovanile condensa il significato della proposta politica, concentrata sulla difesa del lavoro e dei diritti, in una grafica che mette al centro l’elemento metropolitani sul quale si evidenziano le sagome delle vecchie e nuove forme di lavoro, da quello operaio a quello cognitivo, accanto all’immagine della luna che fa da sfondo si legge la scritta “VOGLIAMO LA LUNA” un tributo al grande dirigente comunista Pietro Ingrao, mentre sul retro della tessera la prospettiva viene ribaltata e sullo sfondo della città vista dalla luna si staglia il simbolo storico della lotte del movimento operaio, la falce e martello.
Il 2016 può e deve essere l’anno del rilancio delle lotte per un altro mondo possibile, per questo le giovani e giovani comunisti di Rifondazione saranno impegnati in prima linea a sostenere i comitati referandari contro la deforma della Costituzione voluta da Renzi, un atto di vile arroganza che intende compoletare la distruzione della carta costituzionale democratica e repubblicana nata dalla Resistenza antifascista. La furia ideologica neoliberista che guida l’azione di un governo che piega le istituzioni democratiche al ruolo di proconsoli della banche e della finanza speculativa va fermata e noi faremo fino in fondo la nostra parte.
Riteniamo che il primo atto rivoluzionario per un comunista sia l’adesione al progetto politico di trasformazione della società in senso democratico e socialista, per questo iscriversi ai Giovani Comunisti è importante per tutti i giovani lavoratori, studenti e precari che non si accontentano di sopravvivere allo sfruttamento e alla barbarie imposte dal capitalismo e dal patriarcato, ma cercano una prospettiva concreta per lottare insieme.
Orgogliose e orgogliosi di far parte di questa comunità, al lavoro e alla lotta!

Andrea Ferroni – Portavoce Nazionale Giovani Comunisti
Claudia Candeloro – Portavoce Nazionale Giovani Comunisti