10 anni, Como non dimentica Rumesh

Dichiarazione del Portavoce Provinciale dei Giovani Comunisti/e

Sono passati dieci anni, sembra impossibile ma è davvero così. Era il 29 marzo 2006 quando un vigile del cosiddetto nucleo antiwriters fermò un ragazzo cingalese, lo fece scendere dall’auto e gli sparò un colpo alla nuca, provocandogli danni permanenti.

A quell’epoca stavo finendo il quarto anno di liceo scientifico, al Giovio, e ricordo come se fosse ieri l’atmosfera, gli oltre 1000 studenti che scesero spontaneamente in piazza contro quell’atto di brutale abuso di potere. Ero tra loro, in quella giornata di sole un po’ fusco, con migliaia di ragazzi che dicevano no al sicuritarismo. Abbiamo sfilato per le strade della città, abbiamo gridato la nostra indignazione a una politica che badava solo al populismo, che voleva una città senza graffiti anche a prezzo della vita di un ragazzo. Se oggi faccio ancora politica lo devo anche a quella esperienza, a quell’indignazione per le ingiustizie a cui non si può restare indifferenti.

Como non dimentica, Como non accetterà che ricapiti, che per un concetto distorto di sicurezza altri giovani debbano rischiare la loro vita. Qui sta anche il nostro impegno contro il cosiddetto “controllo del vicinato”, figlio di quella concezione malata della giustizia da far west che tanto piace a leghisti e fascisti nostrani (non importa che partito vogliano usare per presentarsi). Non si può morire per un graffito.

dav

Scarica il volantino

 

Annunci

A fianco degli studenti, contro la repressione

Riportiamo la dichiarazione di Eleonora Forenza, eurodeputata del GUE/NGL e dirigente del Partito della Rifondazione Comunista, a proposito degli arresti di esponenti della protesta studentesca.

«12 anni di carcere per il movimento dell’Onda che ha contestato la riforma Gelmini sono uno scandalo. I movimenti di studenti e ricercatori che hanno giustamente lottato contro una riforma scellerata, per l’università e la scuola pubblica e per il sapere come bene comune, hanno in quei giorni difeso la democrazia molto più di chi nei palazzi distruggeva l’università e comprava voti di fiducia. Nel 2010 ero come tante e tanti altri in piazza e sui tetti contro quella riforma infame. In questo paese la repressione del conflitto sta diventando la norma. Esprimo tutta la mia solidarietà agli attivisti condannati: l’Onda non si arresta!».

ele_magliettagialla