#Noalternanza: ottima riuscita dell’assemblea

Con questo post intendiamo ringraziare tutti i compagni e le compagne che a vario titolo hanno partecipato ieri all’assemblea a Como sull’alternanza scuola-lavoro.

Un ringraziamento particolare per i relatori, per il nostro responsabile nazionale scuola/università Filippo Vergassola, per le organizzazioni sindacali di studenti e docenti e per tutti e tutte coloro che si sono spesi per la propaganda dell’evento.

Ora proseguiremo con ancor più decisione la nostra lotta contro lo sfruttamento degli studenti sui luoghi di lavoro, perché non vi è nulla di formativo nello svolgere mansioni lavorative non pagate.

Annunci

Presidio Alternanza: Buon dialogo con la città

mcdonalds-675Ieri pomeriggio si è tenuto in via Vittorio Emanuele il presidio contro l’alternanza scuola-lavoro a McDonald’s, voluto e organizzato da Giovani Comunisti/e, Unione degli Studenti e Rifondazione Comunista.

Nonostante l’ubicazione non felicissima, in una zona per lo più dedita allo shopping, siamo riusciti a dialogare con moltissime persone che ci hanno manifestato la loro perplessità verso l’iniziativa del Governo di cui quasi nessuno aveva idea.

Sono stati distribuiti in circa un’ora oltre 300 volantini che spiegavano nel dettaglio cosa comporti l’alternanza, il lavoro gratuito, l’abbassamento degli standard salariali dei lavoratori. Abbiamo spiegato che noi intendiamo l’alternanza scuola-lavoro come una pratica che dovrebbe arricchire il percorso formativo, integrarlo con un’esperienza attinente agli studi e non interromperlo per fare un lavoro gratuito a uso e consumo dei grandi gruppi.

Abbiamo soprattutto sottolineato come, nella nostra visione, le aziende coinvolte nel progetto dell’alternanza scuola-lavoro dovrebbero offrire un salario agli studenti, nel quadro di un accordo con le rappresentanze sindacali. Questo sia al fine “educativo” di legare una prestazione lavorativa alla corresponsione di un salario, come prescritto dalla Costituzione, sia al fine di impedire un ennesimo dumping salariale in cui alle richieste sindacali faccia eco la risposta dell’azienda certa di avere a disposizione manodopera a costo zero.

Si è trattato solo di una prima iniziativa, di un primo presidio informativo. La nostra lotta contro questa folle idea, per cui per essere maturi sia necessario lavorare gratis senza ottenere alcun beneficio per la formazione culturale, continuerà con altre azioni nelle scuole e sul territorio.

 

No all’alternanza scuola-patatine

Unione degli Studenti, Giovani Comunisti/e e Rifondazione Comunista contro l’accordo tra MIUR e McDonald’s.

mcdonalds-675

General view of McDonald’s logo. PRESS ASSOCIATION Photo. Picture date: Thursday February 7, 2013. See PA story CONSUMER McDonald’s . Photo credit should read: Rui Vieira/PA Wire

Il 18 ottobre il Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca ha siglato un protocollo di intesa con 16 multinazionali tra cui il colosso dei fast food McDonald’s.
L’accordo prevede che gli studenti svolgano l’alternanza scuola-lavoro, obbligatoria per essere ammessi all’esame di Stato, presso uno dei “ristoranti” della catena americana sparsi in tutto il Paese (160 nella Provincia di Como).
Riteniamo che questo accordo non abbia alcun valore didattico ma che rappresenti semplicemente un ulteriore regalo del Governo Renzi alle multinazionali fornendo loro manodopera gratuita. L’alternanza scuola-lavoro così svolta non fa curriculum, non aggiunge competenze, non fornisce valore alla crescita professionale degli studenti ma anzi sottrae tempo alla didattica.
Contro questa vergogna chiamiamo gli studenti e tutta la cittadinanza ad un primo presidio informativo che si terrà il 10 dicembre dalle 15.30 alle 18.30 in Piazza Boldoni.

volantino-unitario-gc-prc-uds

#Terremoto Centro-Italia. Istruzioni per la solidarietà attiva

logo brigateCare Compagne e Cari Compagni,
in seguito al terremoto del centro Italia e all’attuale necessità di sostegno attivo, in queste ore alcuni nostri compagni sono nelle zone interessate per avere un quadro più preciso della situazione così da capire in che modo il supporto della nostra Organizzazione possa essere il più concreto e funzionale possibile.
Intanto, è importante organizzare dai territori le raccolte di beni di prima necessità con banchi alimentari davanti ai supermercati. Queste raccolte vanno proseguite fino a domenica. 
In particolare, la lista dei beni necessari ad ora è la seguente:
  • Pasta
  • scatolame
  • conserve
  • acqua
  • latte in polvere
  • omogeneizzati
  • posate e bicchieri di plastica
  • rotoli di carta
  • carta igienica
  • Torce
  • batterie
  • pannolini
  • assorbenti
  • garze e cerotti
  • sapone
  • bagno schiuma
  • shampoo
  • spazzolini
  • dentifrici
  • salviette
  • coperte
Vi consigliamo, qualora possibile, di stipare quanto raccolto nelle vostre federazioni, dividendo già il materiale in scatole diverse segnalandone il contenuto all’esterno così da agevolare la consegna finale.
In allegato troverete il volantino nazionale, a cui aggiungere un contatto territoriale e da usare come supporto cartaceo e sui vari canali social. Vi chiediamo di comunicarci quanto prima le date e i luoghi di raccolta, con il recapito di un referente, ai seguenti contatti (andrea.ferroni@hotmail.it) così da redigere una mappatura generale a cui verrà data anche risonanza nazionale sui vari canali di comunicazione.
Vi chiediamo di non partire senza una prima comunicazione al referente nazionale per il coordinamento generale, così da evitare disguidi. 
 
Per l’Umbria verrà utilizzata la sede regionale del partito a Perugia (referente Oscar Monaco 3496437714), per il Lazio verrà utilizzata la sede di Rieti (referente Lucia Allegra 3296446746). Nelle prossime ore per quanto riguarda le Marche avremo indicazioni più precise.
Fino a quando non si valuterà la necessità effettiva di un nostro intervento attivo e prolungato sul campo, sconsigliamo vivamente a tutti e tutte di partire in modo isolato, perchè non aiuta e rende inefficace il soccorso attualmente in atto. Concentriamo quindi la nostra azione politica di militanza nei banchi di raccolta.
 
Il referente nazionale
Andrea Ferroni
3423629221